Sentiero 57

Tratta
Sentiero Petralia Soprana/Geraci Siculo
Lunghezza percorso 
11,6 km
Tempo di percorrenza minima
4,5 ore
Latitudine
37°47’57.46”
Longitudine
14°06’29.87”
Elevazione minima
1086
Elevazione media
1365
Elevazione massima
1617
Difficoltà
E

Partendo dal Borgo più Bello d’Italia – Petralia Soprana c/da Savochella – fino alla cittadina di Geraci Siculo – (11,5 KM tra salite e discese per gli appassionati di trekking nel luogo più emblematico e suggestivo del Parco delle Madonie dove si rinvengono le attività scientifiche di supporto alla conservazione della biodiversità Madonita, attività di tutela forestale, attività pastorale, con la possibilità di rinvenire i principali endemismi della riserva naturale del Parco delle Madonie);
Partendo dalla cittadina di Petralia Soprana – da c/da Pinta (quota 1151 m slm), ci si dirige verso c/da Savochella.
Dai cancelli dell’Azienda Foreste, grazie a una scaletta in legno, inizia l’ ascesa percorrendo una strada carreggiabile in selciato. Salendo di quota, si inizia a godere dei maestosi paesaggi madoniti, con le loro numerose cittadine e le loro vette, tra le quali spicca il Monte San Salvatore 1912 m slm.
A sud si apre tutta la vallata dell’Imera meridionale ricca di incantevoli paesaggi rurali. Procedendo lungo percorso, numerose sono le sorgenti di acqua potabile in cui ci si potrà rifocillare ed approfittarne per delle piacevoli soste.
Lungo il tragitto sarà anche possibile rinvenire le parcelle sperimentali di ripopolamento dell’Abies Nebrodensis, per poi arrivare alla quota più alta rappresentata da Pizzo Catarineci (1860 m slm) con la sua immensa dolina fiorata e la sua faggeta relitta che assumono colorazioni differenti in diversi periodi dell’anno.
Arrivati alla quota massima, numerosi sono i punti d’osservazione paesaggistica dal versante Nord Est della catena carbonatica a quello di nord svettante verso le isole Eolie del mar Tirreno.
Riprendendo il percorso, si inizia a intravedere la avvenentissima cittadina di Geraci Siculo. Dopo una notevole e breve pendenza, si giunge nei pressi dei margi di Pietra Giordano, ambienti umidi caratterizzati da piante briofite ed un gruppo superstite di piante di Ilex aquifolium, antichi endemismi di questo versante, agrifogli unici nel loro genere che in questo particolare luogo assumono forme esclusivissime per l’azione pascolativa delle capre. Alla fine si raggiunge la cittadina di Geraci Siculo, da dove è possibile, grazie ad un crocevia di diversi altri sentieri, ricollegarsi con altre cittadine madonite.

A cura di ASC Liber.A.zione

Organizzazione di esplorazioni narrate in percorsi naturalistici Trekking e
Mountain Bike;

Periodo: tutto l’anno, festivo e feriale.

Per informazioni: liber.a.zionepetraliasoprana@gmail.com
in lingua: inglese, spagnolo, tedesco, francese.

p.s. da concordare, escluso in condizioni metereologiche e pedologiche avverse.